Supply Chain digital platform: trampolino di lancio per la crescita

Secondo Mentzer (1), una filiera produttiva può essere definita come un insieme di tre o più entità (cioè organizzazioni o individui) direttamente coinvolte nei flussi a monte ea valle di prodotti, servizi, finanza e / o informazioni da una fonte a un cliente. Questa definizione evidenzia il ruolo dei flussi di informazioni tra gli attori della catena di fornitura. 

 

I progressi nelle tecnologie digitali (Internet of Things, l’uso di robotica avanzata, l’applicazione di analisi avanzate dei big data nella gestione della catena di fornitura) e le loro interazioni sinergiche stanno sconvolgendo i modelli di business e le rispettive catene di approvvigionamento e richiedono alle aziende di ripensare il modo in cui progettare le loro catene di approvvigionamento. Secondo Alicke, Rachor e Seyfert (2), “oltre alla necessità di adattarsi, le supply chain hanno anche l’opportunità di raggiungere il prossimo orizzonte di efficacia operativa, di sfruttare i modelli di business della supply chain digitale emergenti e di trasformare l’azienda in una supply chain digitale”.

 

La Digital Supply Chain è caratterizzata dallo scambio strategico e operativo di informazioni per migliorare la comunicazione tra gli attori della catena. Questa condivisione ed elaborazione delle informazioni della catena di fornitura non è limitata al livello dei processi aziendali, ma include anche una grande quantità di dati da dispositivi e sensori (IoT) e da applicazioni di social media. 


Man mano che le catene di approvvigionamento diventano più digitali, traggono sempre più vantaggio dalle piattaforme. Secondo Sean T. Monahan (3), esistono due gruppi di piattaforme digitali della catena di fornitura: piattaforma informativa per la catena di fornitura e piattaforma fisica per catena di fornitura. 

 

I primi sono un insieme di tecnologie e processi fondamentali il cui obiettivo è facilitare la condivisione delle informazioni, il coordinamento, la conferma senza attriti, i pagamenti e le attività di indagine sui consumatori; mentre i secondi sono un insieme fondamentale di risorse fisiche e tecnologie digitali (magazzini, fabbriche, robotica, sensori, ecc.) che le aziende sfruttano per consentire una gestione fisica dei prodotti rivoluzionaria e prestazioni di flusso. 

 

Secondo Alicke, Rachor e Seyfert, la digitalizzazione della Supply Chain ha un impatto su tutte le aree della gestione della supply chain (pianificazione, logistica, gestione delle prestazioni, gestione degli ordini, strategia della supply chain) e rende la supply chain:

  • più veloce
  • più flessibile: la pianificazione ad hoc e in tempo reale consente una reazione flessibile alle mutevoli situazioni della domanda o dell’offerta. La pianificazione diventa un processo continuo in grado di reagire dinamicamente al mutare dei requisiti o dei vincoli
  • più accurata: la raccolta e l’analisi dei big data fornisce trasparenza end-to-end in tempo reale lungo tutta la catena di fornitura. Inoltre, l’integrazione dei dati di fornitori, fornitori di servizi, ecc. in un “cloud della catena di fornitura” garantisce che tutti gli stakeholder guidino e decidano sulla base degli stessi fatti.
  • più efficiente: l’efficienza nella catena di fornitura è potenziata dall’automazione delle attività fisiche e della pianificazione.

 

Secondo Caballero, Hajibashi e Denner (4), la giusta infrastruttura di dati è fondamentale per qualsiasi piattaforma digitale, così come l’utilizzo di una piattaforma digitale per coordinare i dati in modo da creare nuove relazioni di dati per processi nuovi e migliori. Anche le partnership esterne offrono un vantaggio competitivo, ma affinché un ecosistema basato su piattaforma funzioni, è necessario favorire architetture leggere e basate su cloud rispetto ai sistemi legacy o ai sistemi ERP. Questa base flessibile consente funzioni non fondamentali in continua evoluzione, come pianificazione, magazzinaggio, trasporto, produzione, approvvigionamento e altro ancora. Queste piattaforme possono “plug and play” offrendo accesso alle migliori soluzioni del mercato e, poiché le organizzazioni raccolgono sempre più dati di intelligence tramite algoritmi e analisi, una moderna piattaforma digitale è in grado di ospitare questi algoritmi, rendendoli parte della logica aziendale complessiva.

La prossima volta parlerò della gestione della supply chain digitale. Non perderlo.

 

 

(1) Mentzer, J., (2001) Supply Chain management, , Sage Publications, Inc. 2001 

(2) Alicke, Rachor and Seyfert, Supply Chain 4.0 – the next-generation digital supply chain, 27 October 2016, article, Mc Kinsey and Company

(3) The rise of supply chain platforms, Sean T. Monahan and Michael Hu, https://supply-chain.cioreview.com/cxoinsight/the-rise-of-supply-chain-platforms-nid-9907-cid-78.html

(4)  Caballero, Hajibashi and Denner, 2020, Digital Platform, Accenture

;

Completa il form per scaricare i file