La sostenibilità nell’approvvigionamento

Lo scorso 22-23 luglio si è svolto un interessante panel durante il Digital Material Show 2020, “Sustainability in Sourcing”, con la partecipazione di:

  • Jim Chi, membro fondatore di Oregon Sports Angels
  • Natalie Grillon, Direttrice Esecutiva Strategia, Operazioni e Sostenibilità presso Open Apparel Registry
  • Guru Larson – Accordo sulla sostenibilità presso Columbia Sportswear
  • Andrew Downes, Direttore delle vendite di Ortholite
  • Alan Lugo – Senior Product Line Manager presso Wolverine Worldwide
  • Britta Cabanos, co-fondatrice di Creative Capital Design

 

Jim Chi ha iniziato la sua introduzione sottolineando come la tecnologia digitale, il design 3d, la piattaforma web, le app e gli showroom digitali abbiano consentito agli attori della filiera della moda di essere connessi e, allo stesso tempo, come questo stia cambiando il modo di guardare ai materiali e alla prototipazione e il suo impatto in termini di riduzione di tempi, risorse e costi.

Dopo questa introduzione, ai relatori è stato chiesto di discutere come le rispettive aziende si stanno avvicinando alla sostenibilità e gli obiettivi su cui stanno lavorando.

Sia Natalie Grillon che Guru Larson si sono concentrati sull’importanza di avere una catena di fornitura connessa che condivide informazioni in trasparenza al fine di avere accesso a dati puliti, chiari e accurati e raccoglierli in modo strutturato per prendere decisioni strategiche in direzione della sostenibilità.

Alan Lugo ha convenuto che la raccolta dei dati è uno dei punti principali, ma ha anche sottolineato l’importanza per un marchio di capire quali sono gli impatti, in termini di sostenibilità (se ad esempio un marchio ha il 90% di scarpe in pelle, probabilmente dovrebbe concentrarsi prima su come la sua filiera può risparmiare e / o riciclare l’acqua piuttosto che come ridurre l’uso della plastica).

Per concludere, Andrew Downes ha ricordato che la sostenibilità nell’approvvigionamento è un punto di partenza, ma è importante mirare alla sostenibilità della catena di fornitura end-to-end.

 

Successivamente, Jim Chi ha introdotto il secondo argomento e i relatori hanno illustrato, per le organizzazioni rappresentate, quali sono le caratteristiche chiave degli sforzi di approvvigionamento per incorporare la sostenibilità.

Per Alan Lugo, gli sforzi principali sono all’inizio quando un marchio ha bisogno di definire chiaramente quale è la giusta direzione in cui andare, avere obiettivi chiari e un piano misurabile; dopo di che è importante allineare tutta la catena di fornitura per condividere gli stessi obiettivi.

Per Guru Larson avere accesso a dati chiari e raccoglierli per analisi e misurazioni è allo stesso tempo l’obiettivo principale e lo sforzo principale per avvicinarsi alla sostenibilità, soprattutto nella costruzione di collaborazioni per la creazione di metodologie di misurazione e quadri di settore.

 

L’ultimo argomento riguardava “le cose che vorresti vedere accadere nel settore in futuro in termini di collaborazione”

Per Natalie Grillon si tratta di collaborazioni intelligenti tra il marchio e le parti interessate al fine di condividere dati migliori e lavorare insieme per i miglioramenti.

Guru Larson ha aggiunto anche la capacità di essere in grado di eseguire una maggiore prevedibilità nell’acquisto di materiali e di essere più facile prevedere le esigenze e le richieste.

 

Il panel si è concluso con un momento di domande e risposte in cui è stato discusso anche l’argomento del riciclaggio.

 

Un panel interessante, tenuto da persone preparate. Congratulazioni sia all’organizzatore che ai relatori.

;

Completa il form per scaricare i file