La nuova Rainforest Alliance – una fusione per la sostenibilità

Rainforest Alliance_UTZ_logo

Il 9 gennaio 2018 la Rainforest Alliance si è ufficialmente unita a UTZ, il più grande programma di certificazione al mondo per la coltivazione sostenibile di caffè, cacao, tè e nocciole.

I due gruppi hanno scelto di unire le forze con l’obiettivo di raggiungere una posizione migliore per affrontare le nuove sfide ambientali nel modo più efficace possibile.

 

La “nuova” Rainforest Alliance ha spiegato tutti i motivi della fusione attraverso un dettagliato schema di domande e risposte disponibile sul sito ufficiale. La risposta al quesito più ovvio (“perché RA e UTZ hanno sentito il bisogno di unirsi?”) è piuttosto semplice, ma a suo modo struggente: la principale motivazione dietro la fusione è che minacce come deforestazione, cambiamento climatico e disuguaglianza sociale si sono rivelate troppo difficili da affrontare senza combinare le risorse a disposizione di due gruppi diversi.

Per affrontarle in modo efficace non bastava più una semplice collaborazione, e così la fusione si è presentata come la scelta migliore per combattere il problema con una voce più forte e potente.

 

Dal momento che la tracciabilità rappresenta un’alleata insostituibile della sostenibilità, l’importanza di un monitoraggio effettuato da terze parti indipendenti e rigorose sta destando sempre più interesse. A questo riguardo, proprio grazie alla recente fusione, la Rainforest Alliance sta raggiungendo un raggio d’azione geograficamente più ampio e, di pari passo, sta ottenendo benefici notevoli per l’agricoltura, le aziende, e ovviamente i consumatori.

Allo scopo di affrontare le crisi più urgenti che coinvolgono il nostro ambiente è essenziale che governi e industrie, così come coltivatori e consumatori, siano pronti ad offrire una reale cooperazione. Proprio per questo la Rainforest Alliance sta già lavorando ad un nuovo programma di certificazioni.

 

Il nuovo programma verrà pubblicato nel 2019, e metterà insieme le caratteristiche più efficienti dei  precedenti sistemi firmati RA e UTZ. Il 2018 si presenta come un anno cruciale per la nuova formazione, dal momento che la RA sta attualmente valutando i prodotti sui quali lavorerà nel medio periodo e discutendo la strategia che consentirà al gruppo di raggiungere i propri obiettivi.

 

Sul sito della Rainforest Alliance è già stata pubblicata una timeline che riassume i passaggi principali del processo attraverso il quale verrà costruito il nuovo programma. Il mese di giugno 2018 sarà dedicato al setting degli obiettivi prioritari delle nuove certificazioni, e allo stesso tempo verranno individuati i termini di riferimento dell’operazione.

Nel lasso di tempo compreso tra novembre e dicembre 2018 verrà invece discussa una prima bozza dello standard da seguire, e la Rainforest Alliance lancerà una consultazione pubblica che includerà un sondaggio online.

Durante tutto il 2019 l’input ricevuto dal pubblico verrà considerato per rivedere la prima bozza dello standard, e non è escluso che possa rendersi necessaria una seconda consultazione pubblica.

Una volta che il nuovo documento sarà stato approvato dallo speciale Comitato per gli Standard formato da RA, l’edizione definitiva verrà pubblicata come nuovo standard di riferimento per coltivatori, catena di custodia e labeling policies.

 

In attesa della pubblicazione del nuovo standard, i precedenti programmi di certificazione emessi da Rainforest Alliance e UTZ continueranno ad operare in parallelo.

 

In vista dell’imminente consultazione globale prevista per il 2018, che sarà aperta a tutti i gruppi di stakeholder, ci auguriamo di assistere ad un coinvolgimento su larga scala e una massiccia partecipazione.

La Rainforest Alliance è pronta ad accelerare la corsa alla sostenibilità e a rendere la tracciabilità sempre più scalabile e d’impatto – e questo è decisamente il futuro di cui vogliamo far parte.