Fashion Revolution Italia Masterclass

Marina Spadafora, coordinatore nazionale per Fashion Revolution Italia ed esperta in area sostenibilità, nella sua Masterclass tenutasi via Zoom il 24 Aprile 2020 e in live facebook sul canale Fashion Revolution Italia fà una panoramica sul mondo della sostenibilità nell’industria del fashion contestualizzata in un più ampio disegno di sensibilizzazione che Fashion Revolution sta portando avanti sin dal 2013.

Una lezione pratica e comprensibile a chiunque dove si raccontano in poche parole quali sono i pilastri della sostenibilità per poi scendere nello specifico del mondo del fashion e presentare due strumenti pratici per approfondire  l’argomento: un libro scritto da lei in collaborazione con Luisa Ciuni e un nuovo tool a disposizione di tutti all’interno del sito Fashion Revolution Italia per evidenziare tutti quei negozi che della sostenibilità stanno facendo il loro vero e proprio valore.

 

Cosa portiamo a casa da questo webinar: cerchiamo di capire bene di cosa parliamo!

 

Moda Etica: quando descriviamo qualcosa come etico significa qualcosa di moralmente giusto o moralmente accettabile. 

La moda etica rappresenta un approccio al design, all’approvvigionamento,  alla produzione che massimizza i benefici per le persone e le comunità riducendo al minimo l’impatto sull’ambiente. 

Sostenibilità: una definizione ampiamente accettata di sostenibilità la descrive come un modo per soddisfare le esigenze del presente che non comprometta la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie. 

Quando parliamo di sostenibilità dobbiamo sempre considerare le diverse aree di impatto e in questo webinar ne vengono analizzate tre: impatto sociale, ambientale ed economico.

 

Sostenibilità Sociale

Oggi tra i 60 e i 70 milioni di lavoratori operano a livello globale nel mondo del tessile, la maggior parte di questi guadagnano intorno ai 3 dollari al giorno, non e’ accettabile.

 

Sostenibilità Ambientale

Ridurre al minimo l’impatto ambientale di tutte le operazioni aziendali lungo tutta la catena di fornitura, creare e agire non solo in base alle opportunità per aumentare i profitti ma allo stesso tempo per ridurre gli impatti sul pianeta deve essere l’obiettivo congiunto.

 

Sostenibilità economica

Non dobbiamo comunque dimenticare che servono solidi modelli finanziari e di business perché altrimenti la moda non avrebbe comunque ragione d’essere, ma questo va perseguito seguendo certe regole, regole appunto etiche.

 

E in pratica?

In un bel mix di contenuti ad alto valore e azioni pratiche (che da sempre contraddistinguono Fashion Revolution) anche in questo caso si affiancano ad una masterclass formativa anche degli strumenti da poter utilizzare subito:

 

Fashion Revolution Transparency Index 2020

Uno screening su 250 Brand della moda che , chi più chi meno, rendono visibili i loro dati in trasparenza. Un lavoro enorme per poter avere un punto di partenza, per capire lo stato dell’arte e riuscire a capire come pianificare i prossimi passi.

 

The Revolution Map

Una mappa con gli indirizzi green in Italia, presentata da Chiara Ferrero del team di fashion Revolution Italia, uno strumento pratico per i consumatori che desiderano fare acquisti più responsabili.

 

La Rivoluzione inizia dal tuo armadio

“Come ci vestiamo? Quali abiti compriamo? Non e’ mai una scelta neutrale. E può fare la differenza”

Luisa Ciuni e Marina Spadafora ci aiutano in quello che e’ un percorso…che comprende ogni piccolo passo.

Grazie al lavoro e alle energie di queste organizzazioni riusciremo forse a fare dei passi in avanti in una direzione che trasformi il mondo della moda in un modello di business rigenerativo capendo finalmente che la sostenibilità nel fashion non è filantropia ma un imperativo.

;

Completa il form per scaricare i file