Carbon Neutral Challenge: il progetto pioneristico di Gucci

Carbon Neutral Challenge

A seguito della Climate Week NYC 2019, Marco Bizzarri (CEO di Gucci) ha rilasciato una lettera aperta ai colleghi di tutto il mondo incoraggiandoli a implementare con prontezza azioni significative per compensare le emissioni di CO2 delle rispettive aziende nel breve termine.

La sfida

Il punto centrale della riflessione di Bizzarri è la responsabilità aziendale che, lontano dall’essere una semplice incombenza amministrativa, dovrebbe essere intesa come una questione di etica.

Secondo il CEO, le aziende di tutti i settori dovrebbero farsi carico della critica sfida di affrontare le crisi climatiche globali individuando e implementando soluzioni davvero efficaci.

In riferimento alla NY Climate Week e al Climate Action Summit delle Nazioni Unite, il CEO di Gucci ha sottolineato che le aziende sono chiamate a prendere impegni importanti come allinearsi con gli accordi di Parigi per creare immediatamente “impatti positivi rapidi e concreti”.

Possibili soluzioni

I tentativi di ridurre le emissioni di gas serra nel corso dei prossimi dieci anni non sono più sufficienti: i CEO di tutto il mondo devono affrontare la sfida di dare immediatamente inizio alla compensazione dell’impatto ambientale della propria azienda con soluzioni basate sulla natura (come il programma REDD+ – Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation).

Dal momento che gran parte delle emissioni di gas serra sono legate alle attività quotidiane dei diversi business, è necessario che la carbon neutrality aziendale comprenda l’intera catena di approvvigionamento.

Per affrontare la questione con prontezza, alle compagnie che aderiranno alla CEO Carbon Neutral Challenge sarà richiesto di adottare una strategia annuale per evitare, ridurre, risanare e infine compensare il totale delle emissioni dovute alle proprie operazioni lungo il corso della supply chain attraverso l’impiego di soluzioni naturali.

Principi guida

Per partecipare alla CEO Carbon Neutral Challenge, le imprese devono aderire ai sei principi guida riassunti di seguito:

1. Le aziende hanno la responsabilità di tutte le proprie emissioni di gas serra e sono chiamate a prendere immediatamente provvedimenti;

2. Le aziende devono accettare una misurazione oggettiva e internazionalmente riconosciuta delle proprie emissioni che comprenda l’intera catena di approvvigionamento;

3. Le aziende devono aderire a una timeline dichiarata pubblicamente e a un piano d’azione trasparente;

4. Le aziende devono implementare soluzioni naturali verificate e certificate allo scopo di mitigare e compensare a breve termine le emissioni associate alle proprie attività;

5. Le aziende devono impegnarsi ad offrire un report annuale dell’impatto e degli esiti dei propri progetti di compensazione;

6. Le aziende devono impegnarsi a collaborare con gli stakeholders per aumentare la consapevolezza sull’argomento e a coinvolgere altri CEO affinché aderiscano alla Sfida.

Perché proprio adesso?

Marco Bizzarri ha sottolineato come non ci sia più tempo per i buoni propositi a lungo termine, Una semplice riduzione della nostra impronta ambientale non è sufficiente a guadagnare tempo: le aziende di tutti i settori hanno la missione di affrontare le sfide della sostenibilità di cui tutti siamo testimoni.

Per questo motivo, Gucci invita i CEO di tutto il mondo a riunirsi nella Carbon Neutral Challenge: l’azione collettiva è cruciale, e abbiamo ancora una possibilità per “creare un futuro in cui la società può prosperare e il business avere successo mentre la natura, allo stesso tempo, viene risanata e protetta.”

Scopri di più. (http://equilibrium.gucci.com/)

;

Completa il form per scaricare i file